martedì 29 luglio 2014

Sindaco omofobo costretto a celebrare le nozze del figlio gay

Lo scorso anno Raymond Bardet, sindaco della cittadina francese Ville-la-Grand, in occasione dell’approvazione della legge sui matrimoni gay, aveva commentato che mai avrebbe celebrato il matrimonio tra due persone dello stesso sesso.
Ebbene, un anno dopo Bardet ha decisamente cambiato idea. L'uomo ha, invero, celebrato le nozze tra due uomini di cui uno è suo figlio.
Il politico ha spiegato: "Ho cambiato idea dopo che mio figlio ha fatto outing, dichiarando di essere omosessuale e persino di volersi sposare. Mi sono convinto che avrei dovuto osservarlo, vedere come viveva con il suo compagno prima di giudicare. Ho capito che erano una coppia affiatata e ho deciso che sì, avrei dovuto sposarli io".

Ed ancora: “Mio figlio mi ha detto che si sarebbe sposato. Ho pensato che, piuttosto che far celebrare le nozze ad altri, avrei dovuto impegnarmi in prima persona. Sono suo padre e spettava a me onorare la giornata più bella della sua vita. Non celebrerò altri matrimoni gay. Continuo a credere che l’omosessualità sia contro natura”.


Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica