martedì 27 agosto 2013

Santanchè si lamenta: "La politica è ancora molto maschia"

Daniela Santanchè ha dichiarato in un'intervista rilasciata al settimanle Chi: "Ognuno ha il suo carattere, non sono guerre queste. E noi non siamo in caserma. Ci possono essere visioni diverse e scambi vivaci, anche se educati. La politica è ancora molto maschia e ci sono molti maschietti da noi. Per i maschi le donne rompono, perché sono più dirette e meno inclini ai compromessi. Tutto qui. Ho avuto degli screzi, ma voglio bene a tutti”. 
Ed ancora: "Vogliono fare fuori Berlusconi dalla politica e noi siamo tutti uniti per evitarlo. Non possiamo fare venir meno la democrazia. Per una sentenza solo politica. La verità è che noi abbiamo le idee molto chiare: il tempo è finito. Abbiamo dato anche troppo spazio ai carnefici di Berlusconi. Ora basta. Noi siamo uniti. Se il governo cadrà, andremo alle elezioni. Berlusconi farà campagna elettorale e vincerà sicuramente. I problemi, semmai, ce li ha il Pd. Dove ognuno parla per se stesso e non c’è una linea univoca, né un leader vero. Ci sono Letta, Renzi, Cuperlo, Epifani E poi?".
Ed infine: "[Voglio vivere in] Italia, ovviamente. In un Paese dove non sia però la magistratura a decidere se è il caso di chiudere un’azienda o di escludere dalla politica chi lavora per la libertà. Non voglio vivere in un Paese dove la magistratura libera un pedofilo che ha perseguitato una bambina e gli permette di vivere vicino a casa sua… Penso che la riforma della giustizia sia una priorità assoluta insieme con quella del lavoro per i giovani. Le aziende non crescono, dove non c’è certezza della pena".

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica