venerdì 28 giugno 2013

Lele Mora e le cene ad Arcore: “C’era abuso di potere e degrado”



In sede di dichiarazioni spontanee rese nel processo ‘Ruby 2’ oggi a Milano, Lele Mora ha rivelato: “Ieri su un quotidiano ho letto queste parole (per descrivere il caso Ruby, ndr): dismisura, abuso di potere e degrado. E' vero, così è stato. Io ne sono stato passivo concorrente. Oggi non voglio più mangiare cibo avariato. Lascio ai miei difensori, nel rispetto dell'istruttoria il compito di chiarire”.
L’ex agente dei vip ha aggiunto: “Mi sono assunto tutte le responsabilità per i fatti del carcere. Il mio consenso all'acquisizione degli atti da parte dei pm p un atto di rispetto per la Procura. Non protesto e mai l'ho fatto. Quando sono stato scarcerato pensavo alle tante polemiche che ho fatto contro i giornalisti e comunisti, con minacce cui mi vergogno. Voglio chiedere scusa a tutti. Il carcere ti obbliga a momenti di rilettura della vita e io voglio uscire da quella bufera infernale che mi ha tolto la luce”.

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica