venerdì 7 giugno 2013

Le dichiarazioni choc di Giovanardi su Cucchi: "Era solo denutrito"

Carlo Giovanardi ha dichiarato ai microfoni de 'La Zanzara' in onda su Radio24: "Le foto di Cucchi? Quelle ecchimosi sono derivanti dalla mancanza di nutrizione nella quale è stato lasciato per giorni. Tutti i segni, comprese le orbite negli occhi, sono il risultato della situazione in cui è stato lasciato. Delle botte degli agenti di custodia non ci sono prove. C’era la testimonianza di uno che dice di aver sentito, e non visto, un tonfo. Per 15, 16 volte consecutive Stefano Cucchi ha avuto delle botte ed è stato ricoverato, se qualcuno mi dimostra che c’è stata una diciassettesima per colpa degli agenti di custodia…Altrimenti i processi a cosa servono? Gli agenti devono essere colpevoli solo perché lo vuole il circo mediatico e Manconi?".

"Il povero Cucchi aveva una vita segnata dall’uso e dallo spaccio di droga. era vittima della droga ed era stato ricoverato 16 volte con lesioni per vicende sue personali che derivavano dal mondo che frequentava. Quelle foto agghiaccianti sono di una persona non curata per una settimana, senza mangiare e bere. In termine tecnico si chiama inanizione, è morto perché invece di assisterlo e curarlo i medici hanno preso per buone le dichiarazioni di sciopero della fame di una persona che non sapeva gestirsi, debole e indifesa. Una persona in quelle condizioni doveva essere curata, obbligata a nutrirsi". 

"Io ho solo espresso soddisfazione per tre poveri cristi agenti di custodia che guadagnano 1200 euro al mese e hanno vissuto quattro anni di inferno fino a quando un tribunale li ha riconosciuti innocenti. Non hanno fatto nulla e ora festeggiano la fine di un incubo. Devono essere colpevoli solo perché lo vuole il circo mediatico e Manconi?".

"La famiglia Cucchi non rispetta la giustizia, sono da mesi in polemica con la pubblica accusa, i magistrati giudicanti e i cittadini della giuria. Lo dicono loro. Io invece vengo linciato perchè rispetto quello che una corte di Assise ha stabilito. I Cucchi  dicono da mesi che non saranno soddisfatti sino a quando non vedranno gli agenti in carcere. Sono anche venuti in Senato. Vogliono mettere in moto un meccanismo di pressione mediatico perché l’appello finisca diversamente. Tutti i giornali italiani si sono schierati da quella parte, e io sarei il potere forte, gli agenti sarebbero i poteri forti? Io leggo tutti gli atti. La Boldrini riceverà la Cucchi, tutto il partito di Ingroia è schierato, anche il ministro della Giustizia ha espresso solidarietà. Dove sarebbero i poteri forti?".

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica