domenica 23 giugno 2013

Idem: "Non sono infallibile ma onesta sì. Non lascio"

Josefa Idem, ministro  per le pari opportunità, ha chiarito la propria posizione durante la conferenza stampa svoltasi a Palazzo Chigi: "Le parole a volte sono pietre e sono state scagliate contro di me con inaudità brutalità e violenza. Ho delegato tutte le mie questioni fiscali ed edili. Vi sono state irregolarità e ritardi: me ne scuso pubblicamente, me ne assumo le responsabilità e sanerò ciò che sarà da sanare. Non sono infallibile. Ho delegato tutte le funzioni amministrative e edili a professionisti, dando un'indicazione chiara: voglio che tutto sia fatto nel rispetto delle regole. In Germania nessuno si sarebbe dimesso per una cosa simile. Intendo continuare per non tradire la fiducia delle persone che contano sul mio contributo".
Poi è intervenuto Luca Di Raimondo, legale della Idem: "Non è vero che il ministro Idem non ha pagato Ici e Imu. Per i presunti abusi edilizi non c'é alcun reato. La contestazione è stata mossa il 17 giugno e il ministro ha pagato la sanzione il giorno successivo, si trattava solo di irregolarità di carattere amministrativo. Quanto all'Ici ed all'Imu, non è vero che non sono state pagate. Non è vero che è stata fatta una dichiarazione falsa: il 4 febbraio, entro il termine di legge del 28 febbraio valido per qualsiasi contribuente, è stata dichiarata quale fosse la dimora familiare. Il pagamento con ravvedimento operoso è previsto dalla legge, ma è stato letto come un'iniziativa volta a correre ai ripari in maniera tardiva".

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica