venerdì 21 giugno 2013

Chiedeva l'elemosina per curare la leucemia del figlio. Era una bugia

Durante un servizio contro l'accattonaggio in città, la polizia municipale di Verona ha fermato sette persone straniere, cinque uomini e due donne.
In particolare, una 19enne con precedenti per attività simili, chiedeva l'elemosina mostrando ai passanti un cartello con sopra riprodotta l'immagine di un bambino. 
Diceva che suo 'figlio Alexander' era malato di leucemia e necessitava di un trattamento dagli ingenti costi. 

Una volta che la donna è stata sottoposta ad interrogatorio da parte degli agenti, questa ha  rivelato di non conoscere il bambino. Dagli accertamenti nelle banche dati del comando è emerso inoltre che due dei fermati erano stati fermati in passato molte altre volte, sempre per analoghe attività.

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica