venerdì 28 giugno 2013

Anonymous attacca il sito di Casaleggio – FOTO

Casaleggio è finito nel mirino di Anonymous. Più precisamente, il sito della Casaleggio Associati è stato defacciato.
Durante l’attacco, al posto della home page è comparsa un’immagine di Lulz Sec ed un link che portava al comunicato pubblicato sul blog ufficiale di Anon italy.
Nel lungo messaggio si legge: “Ciao Beppone, Casaleggio e carissimo SysAdmin, a quanto pare il caveau non era blindato abbastanza e un pirata avido e sanguinario ha fatto irruzione! Saccheggi e scorribande, ecco ciò che un pirata apprezza di più! Non preoccupatevi eccessivamente però, questo particolare pirata non è alla ricerca di tesori e ricchezze… but just for some fuckin’ lulz! Per rallegrare questi giorni di lavoro, abbiamo deciso di fare una visita al vostro guru informatico. Il sommo esperto di comunicazione nonché eminenza grigia e burattinaio supremo, aka Mr. Gianroberto Casaleggio. Sareste estremamente più popolari e benvoluti se la smetteste di dedicarvi unicamente a faide interne e a decidere chi è la persona non grata della settimana. State diventando il cancro che vi eravate ripromessi di eliminare. Ma purtroppo come è noto il ‘potere tende a corrompere e il potere assoluto corrompe assolutamente’. Siamo venuti a ricordarvi che c’è sempre qualcuno che osserva il vostro operato. Non come i pagliacci degli Hacker del Pd,che saranno stati molto probabilmente vostri ex colleghi non proprio soddisfatti del trattamento ricevuto. Voi la rete non la meritate, incapaci. Le maschere di Anon a voi servirebbero non per garantire l’anonimato ma per nascondervi dalla vergogna! Le votazioni ed elezioni in rete, il megafono per tutti, il medium democratico per eccellenza, quirinarie, il futuro è la rete…e vi fate pwnare (fregare la password) così???? Offrite anche servizi di IT Security…è uno scherzo?? Un saluto speciale a Beppone e soprattutto a chi doveva tenere la barca a galla, Mr. Benzi, sono bastate due spingarde per ridurla a un rottame galleggiante!”.

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica