domenica 30 giugno 2013

Paola Ferrari saluta su Twitter "Mergherita Hach" - FOTO

Moltissimi volti del mondo dello spettacolo hanno voluto salutare Margherita Hack, morta all'età di 91 anni.
Anche Paola Ferrari, conduttrice della 'Domenica Sportiva', ha voluto dare il proprio contributo incorrendo, però, in una gaffe.
La Ferrari ha commesso una gaffe nel digitare il nome e cognome della scienziata, trasformandolo in "Merghertia Hach". Successivamente si è corretta con un secondo tweet.
Continua a leggere...

Civati: "Se non votiamo la Santanchè, potrebbe cadere il governo" - FOTO

Giuseppe Civati, esponente del PD, ha postato un post sul proprio profilo Facebook dal seguente contenuto: "#SANTANCHENO La Santanché si presenta oggi come candidata del Pd e del Pdl alla vicepresidenza della Camera. Fa piacere apprenderlo dai giornali, dopo l'ampia e approfondita discussione, che non c'è stata. E ricordate: se non votiamo la Santanché #potrebbecadereilgoverno. Ogni settimana ha la sua croce."
Continua a leggere...

Laura Comi in versione poliziotta su una mini moto - FOTO

Laura Comi, eurodeputata del Pdl, si è fatta immortalare a cavallo di una minimoto! L'immagine è poi finita su Twitter. Immediati i commenti sarcastici degli utenti del social network. 
Continua a leggere...

Busi: "La Ravetto va in giro senza mutande". Scoppia il putiferio - VIDEO

Duello tv tra Aldo Busi e Laura Ravetto, ospite in studio alla trasmissione La guerra dei mondi di David Parenzo su Rai3.
La parlamentare Pdl lascia la trasmissione annunciando una querela ai danni dello scrittore.
Continua a leggere...

sabato 29 giugno 2013

E' morta Margherita Hack

E' morta Margherita Hack. La scienziata aveva da poco festeggiato 91 anni.
Continua a leggere...

venerdì 28 giugno 2013

Cacciari: "Briatore? E' un cafone megagalattico"

Il filosofo Massimo Cacciari ha dichiarato ai microfoni de 'La Zanzara' in onda su Radio 24 a proposito dell'incontro tra Renzi e Briatore: "Non so come una persona possa andare a pranzo con Briatore. Se sei un leader politico, ti tocca vedere Berlusconi, ma qual è il senso di andare a pranzo con Briatore? Io non ci andrei neanche per sogno. Briatore è un cafone megagalattico, universale, è l'idea platonica del cafone. Non accadrà mai un incontro tra me e lui perchè per fortuna ci sono delle cose che non hanno alcun rapporto tra di loro. Sulle belle donne che lo circondano potrei fare un'eccezione, ma io frequento un altro tipo di donne, dal punto di vista estetico".
Continua a leggere...

Anonymous attacca il sito di Casaleggio – FOTO

Casaleggio è finito nel mirino di Anonymous. Più precisamente, il sito della Casaleggio Associati è stato defacciato.
Durante l’attacco, al posto della home page è comparsa un’immagine di Lulz Sec ed un link che portava al comunicato pubblicato sul blog ufficiale di Anon italy.
Nel lungo messaggio si legge: “Ciao Beppone, Casaleggio e carissimo SysAdmin, a quanto pare il caveau non era blindato abbastanza e un pirata avido e sanguinario ha fatto irruzione! Saccheggi e scorribande, ecco ciò che un pirata apprezza di più! Non preoccupatevi eccessivamente però, questo particolare pirata non è alla ricerca di tesori e ricchezze… but just for some fuckin’ lulz! Per rallegrare questi giorni di lavoro, abbiamo deciso di fare una visita al vostro guru informatico. Il sommo esperto di comunicazione nonché eminenza grigia e burattinaio supremo, aka Mr. Gianroberto Casaleggio. Sareste estremamente più popolari e benvoluti se la smetteste di dedicarvi unicamente a faide interne e a decidere chi è la persona non grata della settimana. State diventando il cancro che vi eravate ripromessi di eliminare. Ma purtroppo come è noto il ‘potere tende a corrompere e il potere assoluto corrompe assolutamente’. Siamo venuti a ricordarvi che c’è sempre qualcuno che osserva il vostro operato. Non come i pagliacci degli Hacker del Pd,che saranno stati molto probabilmente vostri ex colleghi non proprio soddisfatti del trattamento ricevuto. Voi la rete non la meritate, incapaci. Le maschere di Anon a voi servirebbero non per garantire l’anonimato ma per nascondervi dalla vergogna! Le votazioni ed elezioni in rete, il megafono per tutti, il medium democratico per eccellenza, quirinarie, il futuro è la rete…e vi fate pwnare (fregare la password) così???? Offrite anche servizi di IT Security…è uno scherzo?? Un saluto speciale a Beppone e soprattutto a chi doveva tenere la barca a galla, Mr. Benzi, sono bastate due spingarde per ridurla a un rottame galleggiante!”.
Continua a leggere...

Lele Mora e le cene ad Arcore: “C’era abuso di potere e degrado”



In sede di dichiarazioni spontanee rese nel processo ‘Ruby 2’ oggi a Milano, Lele Mora ha rivelato: “Ieri su un quotidiano ho letto queste parole (per descrivere il caso Ruby, ndr): dismisura, abuso di potere e degrado. E' vero, così è stato. Io ne sono stato passivo concorrente. Oggi non voglio più mangiare cibo avariato. Lascio ai miei difensori, nel rispetto dell'istruttoria il compito di chiarire”.
L’ex agente dei vip ha aggiunto: “Mi sono assunto tutte le responsabilità per i fatti del carcere. Il mio consenso all'acquisizione degli atti da parte dei pm p un atto di rispetto per la Procura. Non protesto e mai l'ho fatto. Quando sono stato scarcerato pensavo alle tante polemiche che ho fatto contro i giornalisti e comunisti, con minacce cui mi vergogno. Voglio chiedere scusa a tutti. Il carcere ti obbliga a momenti di rilettura della vita e io voglio uscire da quella bufera infernale che mi ha tolto la luce”.

Continua a leggere...

giovedì 27 giugno 2013

Scanzi: "Mi vergogno per Miccoli"

Andrea Scanzi, giornalista del 'Fatto Quotidiano', ha espresso il proprio pensiero in merito allo scandalo Miccoli per le sue affermazioni su Falcone: "#Miccoli, mi vergogno per te. In nessun caso quelle parole su #Falcone saranno mai perdonabili."
Continua a leggere...

Miccoli scoppia in lacrime: “Sono un calciatore, non un mafioso”


Fabrizio Miccoli ha dichiarato in conferenza stampa a Palermo: “Da tre giorni non riesco a dormire, sono uscite cose che non penso: sono un calciatore, non un mafioso. Sono stato in campo a testimoniare per Falcone e per tutte le vittime di mafia. Sono qui per prendermi le mie responsabilità, per chiedere scusa alla città di Palermo, alla mia famiglia. Da 20 anni faccio questo lavoro e sono un padre di famiglia. Chiedo scusa alla famiglia Falcone e a tutti. Avevo già contattato la signora Falcone. Lei mi ha detto che bastava chiedere scusa a tutta Palermo. E sono qui per questo”.

A proposito della vicenda giudiziaria che vede il calciatore indagato dalla procura di Palermo per estorsione e accesso abusivo a sistema informatico per avere usufruito di quattro schede telefoniche intestate a terzi, nell'ambito delle indagini che coinvolgono Mauro Lauricella, figlio del boss della Kalsa, Miccoli ha spiegato: “Sono contento che sia uscito tutto. Ho voluto essere amico di tutti, della città. Quando finirà questa storia voglio fare il testimonial della legalità. Spero che la signora Falcone me lo permetta, voglio partecipare alla sua associazione”.
 
Continua a leggere...

La Lucarelli contro la Pascale: “Interdizione dalle pubbliche scuole”


Nel corso della manifestazione organizzata da Giuliano Ferrara ‘Siamo tutti puttane’ al fine di protestare contro la sentenza che ha visto condannato Silvio Berlusconi, non poteva non esserci anche l’attuale compagna del Cavaliere.
Alla domanda di una giornalista: “Marina Berlusconi scenderà in politica?”, Francesca Pascale ha risposto così: “Se lo farebbe, non farebbe un errore”.
Immediato il commento, alquanto pungente, di Selvaggia Lucarelli la quale ha riportato sul proprio profilo Twitter la domanda della giornalista, la risposta della fidanzata dell’ex premier ed il proprio pensiero “Interdizione dalle pubbliche scuole”.

 
Continua a leggere...

Marina Berlusconi: "No impegno in politica"

Marina Berlusconi ha dichiarato in una nota tramite il suo portavoce: "Di fronte al ripetersi di indiscrezioni su un impegno in politica di Marina Berlusconi, non possiamo che ribadire quanto già più volte detto in passato: si tratta di ipotesi che non hanno alcun fondamento".
Continua a leggere...

mercoledì 26 giugno 2013

La risposta perfetta di Scanzi alla Santanchè che si vergogna - FOTO

Andrea Scanzi, giornalista del 'Fatto Quotidiano', ha voluto replicare tramite Twitter alla dichiarazione di Daniela Santanchè alla lettura della sentenza di condanna di Berlusconi 'mi vergogno di essere italiana': "E' fortunata, Onorevole: a noi, guardandovi, capita da 20 anni". 


 
Continua a leggere...

martedì 25 giugno 2013

Grillo: "Via i giornalisti dalla Camera e Senato. Il Parlamento non è un bordello"

Beppe Grillo, portavoce del M5S, ha scritto sul suo blog: "Taci, il giornalista ti ascolta! Si nascondono ovunque. L'unica difesa è il silenzio, il linguaggio dei segni. I giornalisti non possono infestare Camera e Senato e muoversi a loro piacimento. Vanno disciplinati in spazi appositi, esterni al Palazzo. Per un'intervista chiedano un appuntamento, non bracchino i parlamentari per le scale o al cesso. All'ingresso di Montecitorio e di Palazzo Madama va posto un cartello 'No gossip. Il Parlamento non è un bordello'. Il Parlamento è il luogo più sacro, di una sacralità profana, della Repubblica Italiana, ma è sconsacrato ogni secondo, ogni minuto, frequentato impunemente, spesso senza segni di riconoscimento, da folle di gossipari e pennivendoli dei quotidiani alla ricerca della parola sbagliata, del titolo scandalistico, del sussurro captato dietro a una porta chiusa. Qualche deputato li scambia talvolta per colleghi e parla, parla per ritrovare sul giornale quella che credeva una conversazione privata. Mercanti di parole rubate. All'ingresso di Montecitorio e di Palazzo Madama va posto un cartello "No gossip. Il Parlamento non è un bordello". Nel Parlamento romano. All'ingresso o in ascensore, anche all'urinatoio con il microfono nel taschino c'è sempre un giornalista senza tesserino. Eppure, in questo posto impossibile io gli ho detto 'fanculo tu gli hai detto 'fanculo tra la gente".
Continua a leggere...

Zaccagnini lascia il M5S: “E’ un Berlusconi 2.0”



Adriano Zaccagnini ha deciso di abbandonare il Movimento 5 Stelle per entrar a far parte del Gruppo Misto.
L’ex grillino ha spiegato le ragioni del suo addio al M5S: ”Non mi sento più a mio agio, c’è un clima irrespirabile. Non ho più la forza di continuare a combattere da dentro una guerra che non ha senso”.

Ed ancora: ”Non è un partito aziendalista ma un movimento aziendalista in cui la strategia politica è calata dall’alto. D’altronde dopo 20 anni di berlusconismo, non poteva che nascere un Berlusconi 2.0.

Ed infine: ”Il clima poliziesco che ho vissuto sulla mia pelle mi ha messo a dura prova psicologicamente, ma ho ritrovato la serenità nel rispettare la mia coscienza. Le sparate dai blog e dei cani sciolti del branco parlamentare (i talebani) hanno occupato tutta la nostra comunicazione politica e troppo spesso emergeva solo propaganda e giustificazionismo ad oltranza, senza un minimo del pudore e di capacità anche minima, di fare autocritica. Il cammino della democrazia partecipativa parte certamente più forte da questa legislatura, ma non basta un applicazione web per la democrazia perfetta”.
Continua a leggere...

lunedì 24 giugno 2013

Berlusconi condannato: "Mi vogliono eliminare ma resisterò"


Silvio Berlusconi ha commentato la sentenza sul caso Ruby che lo ha visto condannato: "Ero veramente convinto che mi assolvessero perchè nei fatti non c'era davvero nessuna possibilità di condannarmi. E invece è stata emessa una sentenza incredibile, di una violenza mai vista nè sentita prima, per cercare di eliminarmi dalla vita politica di questo Paese".
Continua a leggere...

Josefa Idem si dimette

Josefa Idem si dimette. Durante un incontro a Palazzo Chigi, il ministro per le Pari opportunità, lo Sport e le Politiche giovanili ha presentato le sue dimissioni al premier Letta, che le ha accolte. La Idem ha spiegato: ''Come ministra ho tenuto duro in questi giorni perché in tanti mi avevano detto che questi momenti fanno parte del 'gioco'. La 'persona' Josefa Idem, già da giorni invece, si sarebbe dimessa a causa delle dimensioni mediatiche sproporzionate della vicenda e delle accuse aggressive e violente, nonché degli insulti espressi nei suoi confronti. Quando sono salita dal Presidente Letta avevo già maturato la decisione di dimettermi, ma ho comunque voluto condividere con lui l'attenta valutazione del quadro venutosi a creare ed esporgli la scarsa rilevanza di quanto imputatomi. Confermo quindi le mie dimissioni, augurando buon lavoro al Presidente del Consiglio Enrico Letta al quale rinnovo la mia più profonda stima''. 

Il presidente del Consiglio ha commentato: "Ho preso atto della volontà irrevocabile del ministro Idem di rassegnare le dimissioni. Sono convinto che emergeranno rapidamente, e in tutta la loro limpidezza, la correttezza e il rigore morale che conosco essere fra i tratti distintivi di Josefa Idem e per i quali l'ho scelta e le ho chiesto di entrare a far parte del governo. Spero che sia salvaguardata ora la vita privata sua e della sua famiglia. A Josefa esprimo il più sincero ringraziamento per questi cinquanta giorni di lavoro comune, nei quali ha avuto modo di dimostrare qualità politiche e amministrative che al governo del Paese sarebbero state utilissime. Ho informato il Presidente della Repubblica delle dimissioni del ministro Idem e della mia volontà di comunicare al prossimo Consiglio dei Ministri la redistribuzione delle sue deleghe all'interno dello stesso Consiglio".
Continua a leggere...

Nicole Minetti in discoteca guadagna 100 euro al minuto

Nicole Minetti non conosce crisi. 
Sulla scorta di quanto riportato dal Corriere, l'ex consigliera regionale lombarda guadagnerebbe 5000€ per un’ospitata di 45 minuti, cioè circa 100 euro al minuto: “Tre quarti d’ora di show, a più di 100 euro al minuto, e l’ospitata a Rovetta, con orde di ragazzini che le chiedono i tre bacini, la foto ricordo e l’autografo sull’invito con lei in costume da bagno, anche questa di fatica, è andata“. La discoteca è il Life Club, locale cult dell’interland milanese.

Continua a leggere...

Robbie Williams choc: “Comprerò io la droga a mia figlia”

Robbie Williams ha rilasciato delle dichiarazioni choc al 'New Magazine' a proposito dell'uso di eroina e cocaina fatto in passato: "Non credo che Teddy (sua figlia) abbia preso da me. Toccando ferro, con tanto amore e un po’ di fortuna, non dovrà attraversare l’inferno che ho vissuto io. Se sfortunatamente dovessero andare così le cose, saprò cosa fare. Mi accerterò che abbia le migliori droghe in circolazione e per farlo, sarei disposto a drogarmi con lei".
 

 
Continua a leggere...

Idem a Letta: “Mi stanno massacrando, non sono furbetta”

Enrico Letta, attuale presidente del Consiglio, ha dichiarato in occasione della propria ospitata in tv da Lucia Annunziata a proposito dello ‘scandalo’ Idem: “Parleremo e poi decideremo insieme. Dobbiamo essere garantisti e garantire opportunità e rispetto delle regole come elemento chiave del nostro governo. Nessun doppio standard”.
A tal proposito il ministro Idem ha replicato: “Vorrei che qualcuno mi credesse. Non ho bisogno di una poltrona. Porterò le carte ad Enrico Letta, gli spiegherò bene come sono andate le cose e poi aspetterò che lui si faccia la sua opinione. Mi stanno massacrando, questa vicenda è assurda. Esigo che mi si creda perché tutto è spiegato. Non sono furbetta, ho sbagliato ma ho chiesto scusa. C’è un clima di linciaggio, ma lascerò decidere a lui”.

Continua a leggere...

domenica 23 giugno 2013

Asia Argento alla Concia: "Possiamo essere tutti un po' bisex ogni tanto?" - FOTO

Scambio di tweets tra Asia Argento ed Anna Paola Concia.
L'attrice scrive: "Insomma, possiamo essere tutti un po' bisex ogni tanto?".
La Concia replica: "Qualcuno diceva che siamo tutti un po' bisex".
L'artista si rivolge alla Concia, esprimendo tutto il proprio supporto, solidarietà e stima: "Ogni tua battaglia è la mia. Da oggi in poi pensa a me come un tuo soldato. Trasformeremo le loro frecce in fiori profumati".
Continua a leggere...

Sollecito commenta la sentenza della Cassazione: "Tanti errori sul mio conto"

Raffaele Sollecito ha scritto sulla propria pagina Facebook: "Il giudizio di Cassazione è inappellabile e quindi ritengo sia doveroso per i Giudici di Cassazione emettere delle sentenze più oculate e circostanziate. Nel nostro caso sono stati scritti numerosi errori, che sarebbe più giusto definire orrori. In tutta la sentenza non c’è scritto nulla che riguarda il contributo della difesa alla ricerca della verità e men che meno l’apporto dei suoi consulenti che sono stati del tutto ignorati, come se non fossero neanche esistiti. Non è vero che il perito d’ufficio abbia mai sostenuto che sulla traccia mista di DNA ci sia il profilo di Raffaele: ha dichiarato piuttosto che proprio perché si trattava di una traccia mista e non genuina con diversi alleli per ciascuno dei 17 loci del profilo, si poteva trovare chiunque, persino il DNA del Presidente della Corte, qualora fosse disponibile per una comparazione.
Non è vero che sulla traccia c’era solo la Y che corrispondeva a Raffaele, ma almeno altre due Y, che non è stato possibile attribuire, perché non vi erano profili disponibili per il confronto e comunque di queste altre due nessuna corrispondeva a quella del Guede. Ergo le altre 2 sono di persone ancora oggi sconosciute. Non è vero che la traccia di DNA isolata dai Periti d’Ufficio era situata in prossimità del punto in cui la biologa della Polizia Scientifica aveva trovato l’esigua traccia di DNA, che poi ha attribuito a Meredith. Questa traccia si trovava infatti nell’innesto della lama nel manico, zona in cui più facilmente si può trovare del materiale organico e/ inorganico e sulla quale la Polizia Scientifica inspiegabilmente non ha eseguito alcun prelievo. Questa è la ragione, per cui i Periti d’Ufficio hanno chiesto di poter smontare il coltello, autorizzazione che è stata negata dalla Corte d’Appello per la ferma e a mio parere immotivata opposizione da parte della Procura Generale di Perugia e della parte civile".

Ed ancora: "Non è vero che il perito d’ufficio prof.ssa Vecchiotti ha deciso in perfetta solitudine e addirittura non ottemperando all’incarico ricevuto dalla Corte d’Appello di non procedere alla analisi di questa traccia di DNA: in una riunione UFFICIALE con TUTTI i consulenti di parte, a cui erano presenti il prof. NOVELLI e la dott.ssa STEFANONI ha espresso chiaramente il motivo, per il quale era sua intenzione non procedere alla analisi, per l’estrema esiguità della quantità e per l’impossibilità di procedere ad una seconda amplificazione e in quella occasione TUTTI si sono mostrati concordi con il perito d’Ufficio e non hanno fatto alcuna obbiezione, SOTTOSRIVENDO il verbale. Non è vero che fra il primo e il secondo sopralluogo la casa è rimasta protetta dai sigilli. E’ vero piuttosto il contrario, visto che in quei 46 giorni vi sono state ben 3 perquisizioni, di cui una neanche verbalizzata, (quindi nessuno può sapere quali e quante persone sono entrate nella casa e se sono state prese delle cautele) durante le quali la casa è stata messa letteralmente a soqquadro con mobili e suppellettili smontati e portati in giro per tutta la casa, tanto è che il famoso pezzetto di stoffa con i gancetti del reggiseno era da tutt’altra parte, rispetto al primo rinvenimento e sotto un tappetino scendiletto, che a sua volta si trovava appallottolato sotto la scrivania nella stanza di Meredith, quindi potrebbe essere tranquillamente successo che durante le 3 perquisizioni si sia fatto più volte il giro della casa sotto i piedi di qualcuna delle persone che hanno partecipato alle perquisizioni. Non è vero che i frammenti di vetro nella stanza della Romanelli erano sopra i vestiti, ma è vero che erano TUTTI sul pavimento, su di un tappetino scendiletto a fianco del letto e SOTTO i vestiti, come dimostrano le numerose foto ed i filmati eseguiti dalla Polizia Scientifica di Roma durante il primo giorno del primo sopralluogo, quindi in un momento in cui non vi poteva essere ancora alcuna alterazione della scena del crimine. Non è vero che il Guede non aveva ferite alla mano destra: queste ferite (per quanto superficiali e in via di cicatrizzazione), sono evidenti sulla faccia palmare delle sue dita nelle foto, scattate dalla Polizia tedesca subito dopo il suo arresto in Germania".
Continua a leggere...

Grillo contro i giornalisti: "Pentitevi"

Beppe Grillo, portavoce del M5S, ha scritto un lungo post sul blog nel quale ha attaccato i media: "Pentitevi. Fate outing e spiegate in diretta che siete costretti a occultare, tagliare, schernire per salvare il vostro posto di lavoro e, insieme, la visibilità, le relazioni 'importanti'. Persino la mafia ha avuto il pentitismo".
Continua a leggere...

Giletti: "Mi hanno sparato proiettili di gomma. Ho rischiato grosso"

Massimo Giletti, conduttore de 'L'Arena', ha dichiarato durante l'intervista rilasciata ad Oggi.it a proposito di una vicenda che lo ha coinvolto lo scorso 21 giugno: "Ho rischiato grosso. Sto bene, ma ho rischiato di perdere un occhio. Mi hanno sparato due proiettili di gomma mentre ero sul terrazzo di casa mia: uno mi ha colpito appena sopra il sopracciglio, l'altro un centimetro sotto l'occhio".
Il presentatore ha richiesto l'intervento dei carabinieri i quali sono riusciti ad identificare i due giovani e si è fatto medicare senza aver riportato danni gravi.

 
Continua a leggere...

Idem: "Non sono infallibile ma onesta sì. Non lascio"

Josefa Idem, ministro  per le pari opportunità, ha chiarito la propria posizione durante la conferenza stampa svoltasi a Palazzo Chigi: "Le parole a volte sono pietre e sono state scagliate contro di me con inaudità brutalità e violenza. Ho delegato tutte le mie questioni fiscali ed edili. Vi sono state irregolarità e ritardi: me ne scuso pubblicamente, me ne assumo le responsabilità e sanerò ciò che sarà da sanare. Non sono infallibile. Ho delegato tutte le funzioni amministrative e edili a professionisti, dando un'indicazione chiara: voglio che tutto sia fatto nel rispetto delle regole. In Germania nessuno si sarebbe dimesso per una cosa simile. Intendo continuare per non tradire la fiducia delle persone che contano sul mio contributo".
Poi è intervenuto Luca Di Raimondo, legale della Idem: "Non è vero che il ministro Idem non ha pagato Ici e Imu. Per i presunti abusi edilizi non c'é alcun reato. La contestazione è stata mossa il 17 giugno e il ministro ha pagato la sanzione il giorno successivo, si trattava solo di irregolarità di carattere amministrativo. Quanto all'Ici ed all'Imu, non è vero che non sono state pagate. Non è vero che è stata fatta una dichiarazione falsa: il 4 febbraio, entro il termine di legge del 28 febbraio valido per qualsiasi contribuente, è stata dichiarata quale fosse la dimora familiare. Il pagamento con ravvedimento operoso è previsto dalla legge, ma è stato letto come un'iniziativa volta a correre ai ripari in maniera tardiva".
Continua a leggere...

Colombo: "Spero che la Rai si attrezzi per fare programmi sui gay"

Gherardo Colombo, parte del cda della Rai, ha dichiarato all'Huffington Post a proposito delle tematiche omosessuali: "Spero che ci si attrezzi per affrontare questi temi anche in Rai, le cui difficoltà sull’argomento mi pare siano lo specchio di una situazione più generale riguardante il riconoscimento di una serie dei diritti civili in Italia. A mio avviso facciamo fatica a parlare di questi argomenti e bisognerebbe riuscire a trovare il modo per affrontarli senza mentalità da schieramento, poiché il problema è rilevante e richiede dialogo, non contrapposizioni di parte. Quando si parla del riconoscimento di alcuni diritti civili è, inoltre, evidente che ci sono varie angolazioni del problema; oltre al tema delle adozioni per le coppie omosessuali, c’è, per esempio quello del fine vita, che coinvolge il riconoscimento di diritti di particolare rilievo”.

Ed ancora: "Per quello che riguarda la Rai, il servizio pubblico, ritengo che sarebbe indispensabile che i temi che riguardano i diritti civili (e quindi, ad esempio, il superamento della discriminazione religiosa, della discriminazione razziale, dell’omofobia, e così via) dovrebbero diventare il punto centrale, l’ispiratore del senso complessivo della programmazione, il motore della creazione del palinsesto".
Continua a leggere...

sabato 22 giugno 2013

Di Battista su Fb: "Viva il M5S e fanculo i soldi"

Alessandro Di Battista, deputato del M5S, ha scritto un post su Facebook: "Questo post lo dedico ai miei colleghi in Parlamento (e ovviamente a tutti gli attivisti che sono anch'essi nostri colleghi in Parlamento). E' stata una settimana faticosissima, colma di di difficoltà e frustrazioni ma anche zeppa di entusiasmo e partecipazione. Questa settimana ho visto nascere un gruppo, il nostro. Per me non siete Onorevoli, nè Deputati e nè Cittadini, siete fratelli, punto. Farei qualsiasi cosa per voi come voi la fareste per me. Guai a chi vi tocca. Siamo stati capaci di difenderci, di venirci incontro, di ammorbidire certe posizioni e rinaldandone delle altre.

Qualcuno ha fatto un passo indietro, qualcun altro un passo in avanti. Ho visto il MoVimento in aula, ho visto "movimento in aula", ho visto una compattezza straordinaria. Abbiamo lottato contro un decreto vergogna che, come sempre accade, univa qualcosa di buono con porcate su porcate. Non siamo stati al ricatto ribadendo la centralità del Parlamento. Abbiamo inaugurato la politica del "costruzionismo". Abbiamo lavorato come pazzi, contro il tempo, contro i Partiti che hanno spolpato l'Italia, contro una parte di informazione di regime. Abbiamo tutti quanti contro. Questa settimana il PDL, il Partito dell'eversione contro la magistratura ci ha dato dei buffoni, un deputato di Scelta Civica, il Partito dei bocconiani ci ha insultato e minacciato, il PD, utilizzando i suoi organi di stampa che campano con i soldi dei cittadini che pagano per essere disonformati, ci ha descritto come i nemici dei terremotati (nemmeno hanno voluto mettere in votazione un emendamento che avrebbe garantito sostegno ai terremotati prelevando risorse dall'innalzamento delle tasse sulle rendite finanziarie questi ipocriti). Persino SEL, l'opposizione che non si oppone, il partito del "radicalchicchismo" con gli ideali di sinistra e gli interessi a destra ci ha detto: "non lamentatevi se non vi stimiamo". Ma chi si lamenta? La loro avversione ci conferma che stiamo sulla strada giusta.

Stiamo diventando una squadra e lo stiamo facendo in pochissimo tempo. Siamo entrati, tutti quanti nuovi, da meno di 100 giorni. 100 giorni è un battito di ciglia! Io non cambierei nessuno di voi, siete compagni di viaggio e "battaglie", siete custodi della democrazia, siete un argine al tracollo del nostro meraviglioso e violentato Paese. Siete fratelli. Provo un orgoglio immenso a sapervi con me. A volte esco stanco morto e una piccola parte di me, molto piccola, mi implora di mollare, di tornare a scrivere in Latino America dove la vita è dura ma è più vera di quella che si vive nel "Palazzo". Poi penso a tutti voi, ai vostri occhi, a quanto ci credete. Penso ai nostri scazzi, a quando ci prendiamo a parolacce in assemblea, a quando ci abbracciamo dopo aver discusso, a quando ridiamo assieme, a quando commentiamo i discorsi degli "oratori" dei Partiti, vere e proprie "supercazzole di casta".

Penso a quando stiamo rimanendo umani, a quanto ci sosteniamo reciprocamente, a quanto sia facile trovare in voi un sostegno. Penso a tutto questo e mi sale una carica immensa. Chi non lo vive questo gruppo (o non vive i meetup) non può capire di cosa sto parlando, ma chi partecipa, chi contribuisce alla costruzione del gruppo, chi ci aspetta fuori da Montecitorio per darci una pacca sulle spalle e per dirci "non mollate" sa benissimo il valore delle mie parole. Stiamo facendo miracoli continui. Quando mai si era vista tanto interesse per la politica? Quando mai si guardavano con tanta attenzione i discorsi in aula? Quando mai si ha avuto la possibilità di fare domande dirette ai deputati, dargli suggerimenti, pungolarli, sostenerli o criticarli? Stiamo costruendo qualcosa di grande, forse i "pomodori non sono ancora maturi" ma stanno crescendo velocemente. Mi spiace per chi se ne è andato, davvero, e mi spiace per chi se ne andrà nei prossimi giorni ma capisco, non tutti ce la fanno, non tutti hanno compreso certi valori. Mi spiace, ma essenzialmente mi spiace per loro. Viva la democrazia diretta ragazzi, viva la partecipazione, viva il M5S e fanculo i soldi. Vi voglio bene. A riveder le stelle!".
Continua a leggere...

venerdì 21 giugno 2013

Chiedeva l'elemosina per curare la leucemia del figlio. Era una bugia

Durante un servizio contro l'accattonaggio in città, la polizia municipale di Verona ha fermato sette persone straniere, cinque uomini e due donne.
In particolare, una 19enne con precedenti per attività simili, chiedeva l'elemosina mostrando ai passanti un cartello con sopra riprodotta l'immagine di un bambino. 
Diceva che suo 'figlio Alexander' era malato di leucemia e necessitava di un trattamento dagli ingenti costi. 

Una volta che la donna è stata sottoposta ad interrogatorio da parte degli agenti, questa ha  rivelato di non conoscere il bambino. Dagli accertamenti nelle banche dati del comando è emerso inoltre che due dei fermati erano stati fermati in passato molte altre volte, sempre per analoghe attività.

Continua a leggere...

Razzi: "Berlusconi è un Messia, darei la vita per lui"

Antonio Razzi, senatore del Pdl, ha dichiarato ai microfoni de 'La Zanzara' in onda su Radio24, a proposito di Silvio Berlusconi: "Lui è un Messia, i magistrati gli stanno  dietro a rompergli le scatolette e non capisco il perché. Io prego ogni giorno i miei Santi perché Berlusconi viva fino a 120 anni. Io darei la vita per lui, morirei. Gli darei un rene, due reni, persino mia moglie, se lei è d’accordo”.
Continua a leggere...

Santanchè: "Tra 11 giorni non ci sarà più il Governo"

Daniela Santanchè ha dichiarato a 'Quinta Colonna, il Quotidiano' in onda su Retequattro: "Se tra 11 giorni l'Iva sarà stata aumentata, non ci sarà più il Governo".
Continua a leggere...

Borghezio contro la Idem: "Le vere puttane sono nelle istituzioni"

Mario Borghezio, europarlamentare del Carroccio, ha dichiarato a 'Klaus Condicio' in merito alla vicenda Josefa Idem: "La galera non si augura mai a nessuno, ma un po' di gogna certamente. Io non ce l'ho con la signora Kyenge, ce l'ho invece contro questa ministra Idem. Forse le vere puttane non sono quelle che esercitano la professione, sono quelle piene di ipocrisia, politicamente parlando, che dicono una cosa e ne fanno un'altra. Forse le vere puttane sono certi personaggi, donne ma anche uomini, che prostituiscono la funzione di servizio che chi ha uno stipendio pubblico dovrebbe sentire di avere nei confronti dell'azienda che li paga, dell'istituzione che gli da anche degli onori e dei piccoli privilegi o dei grandi privilegi. Siamo di fronte a un personaggio che è stato testimonial del nostro ministero delle Finanze, della campagna per gli adempimenti fiscali e la prima a non adempiere è proprio la signora Idem".
Continua a leggere...

Kyenge: "Contro di me insulti e violenza impensabili per chiunque"

Cécile Kyenge, ministro dell'Integrazione, ha dichiarato ai microfoni di 'Radio Capital': "Quando sono diventata ministro non mi sarei aspettata questa serie di insulti e violenza contro di me, sarebbe stato impensabile per chiunque. Una tale violenza va al di là della mia immaginazione. In questo contesto è uscito un problema sommerso, la difficoltà di alcune persone di accettare il cambiamento. È una brutta violenza che esce ma questo ci mette di fronte a un problema da affrontare, il razzismo sommerso".

Ed ancora: "Prima di diventare ministro stavo scrivendo un dossier dal titolo "razzismo istituzionale" con l'obiettivo di capire le origini del disagio, come le persone vivono, le loro difficoltà che possono portare fino a un certo punto. Ci sono persone fragili, c'è chi ce la fa, chi no. Se gli immigrati vengono trattati come animali dipende dalle condizioni, dal luogo. E non penso solo ai migranti, ma anche agli italiani, alle nuove povertà che nascono. I deboli in questo Paese vengono trattati male. La maggior parte delle persone non vengono considerate come tali. È un concetto che deve cambiare perchè la nostra Costituzione dice che si devono rimuovere gli ostacoli per i più deboli".

A proposito di Mario Balotelli: "Ci stiamo lavorando. Lui è una bella figura contro il razzismo, ma non solo. Vorrei che fosse considerata la sua professionalità e la sua competenza sul campo. Martin Luther King sognava che i nostri figli potessero essere considerati proprio per la competenza e la professionalità".

Ed infine: "L'unica volta che ho denunciato qualcuno è stato perchè mi aveva messo le mani addosso, ma non ho fatto in tempo a ottenere giustizia perchè la persona denunciata nel frattempo è morta. Da quando sono arrivata in Italia ho subito tanto razzismo ma con una risposta violenta non si arriva da nessuna parte. La miglior risposta è la non contrapposizione e il mostrare un modello di comportamento positivo".
Continua a leggere...

Milly D'Abbraccio: "Un film porno con Grillo? Non è all'altezza di Siffredi"

La pornostar Milly D'Abbraccio ha dichiarato ai microfoni di 'Un Giorno da Pecora' in onda su Radio2: "Un film a luci rosse con Beppe Grillo? Lo farei ma sarebbe un film comico, non penso lui sia all’altezza di fare un film hard come Rocco Siffredi. Angelino Alfano, lui sì che mi intriga molto è molto affascinante".
Continua a leggere...

Dagli Usa una dieta choc: un cerotto cucito sulla lingua - FOTO


L’estate è arrivata e sono sempre più in aumento le persone che cercano modi efficaci e rapidi per dimagrire.

Nikolas Chugay, chirurgo plastico di Beverly Hills, ha ideato un nuovo sistema choc per perdere i chili di troppo.

Si tratta di un cerotto da applicare sulla lingua, un adesivo abrasivo fatto di marlex,una plastica usata per riparare le ernie, che viene cucito sulla lingua con sei punti di sutura che rendono impossibile il consumo di alimenti solidi e costringono il paziente ad una rigida dieta costituita solo da specifici liquidi e integratori preparati.

Il trattamento può durare al massimo un mese circa, oltre questo periodo infatti la lingua si rimarginerebbe e ingloberebbe il cerotto facendo svanire i suoi effetti. Il chirurgo ha rassicurato dicendo che un mese sembra essere più che sufficiente per ottenere i risultati sperati.

Moltissimi dietologi non appoggiano in alcun modo quella che sembra essere una dieta-tortura.
Continua a leggere...

Lega contro la Kyenge: "Vai a fare il ministro in Congo! Ebete!"



Il ministro Cécile Kyenge continua ad essere oggetto di attacchi. Sulla pagina ufficiale Fb della Lega Nord di Legnago, è stato postato un articolo nel quale il ministro definisce gli immigrati una risorsa, accompagnato dalla didascalia: “Se sono una risorsa...va a fare il ministro in Congo! Ebete”.
 
In seguito alla diffusione del post ed al vespaio di polemiche, il commento è stato rimosso e sostituito da un messaggio di scuse: “Pur restando ben distinte le rispettive posizioni politiche... CI SCUSIAMO UFFICIALMENTE con il ministro Kyenge per l'offesa pubblicata su questa pagina Facebook ed a Lei rivolta. Abbiamo provveduto ad eliminare IL NOSTRO ERRORE di comunicazione. Sbagliare è facile...chiedere scusa meno. Scusateci”.
 
A tal proposito, Marco Pavan, segretario della locale sezione del Carroccio, ha spiegato che “in dialetto veneto ebete è un aggettivo che diventa persino affettuoso e vuol dire ingenuo. Il post voleva evidenziare tre dimenticanze del ministro: gli immigrati possono essere regolari o clandestini, che i regolari, se integrati, possono essere una risorsa mentre i clandestini non pagano tasse, che la necessità di avere un lavoro oggi è per prima dei nostri giovani e di quei padri che non riescono a mantenere i figli”.

 
Continua a leggere...

La consigliera del Pd: “Extracomunitari ladri stronzi dovete morire” - FOTO

Caterina Marini, consigliera di circoscrizione a Prato e componente della segreteria provinciale Pd, ha scritto sul proprio profilo Facebook un post con il quale ha commentato un furto in casa della sorella: “Extracomunitari ladri stronzi dovete morire subito”. La Marini ha poi spiegato rispondendo ad alcuni commenti al post: “Mentre andava in camera si è trovata faccia a faccia con un ladro. Che città di merda è questa. Extracomunitari ladri stronzi dovete morire subito”. Ed ancora: “Sconvolta. Era un magrebino. Agile come un gatto. E datemi di razzista non me ne frega. La gente ha solo discorsi”.Poco dopo, il post è stato rimosso ed Ilaria Bugetti, segretario di Prato del Pd, ha commentato: “Quelle dichiarazioni violano chiaramente i nostri principi fondanti che da sempre si rispecchiano nell'anti-razzismo, nella non-violenza e nel rispetto della convivenza. Tali affermazioni hanno giustamente colpito la sensibilità delle forze politiche, associative e civili che tutti i giorni lavorano a quell'idea d'integrazione irrinunciabile in una moderna ed evoluta società. Non spetta direttamente a me emettere delle sanzioni ed ho già chiesto l'apertura di un procedimento disciplinare presso la commissione di garanzia. Tuttavia appare evidente la violazione del codice etico che Caterina Marini ha sottoscritto”.

Continua a leggere...

Briatore: “C’è un gran numero di parlamentari idioti”

Flavio Briatore ha dichiarato ai microfoni de ‘La Zanzara’ in onda su Radio24: “Basterebbe avere 50 parlamentari, pagati bene. Invece c'è un gran numero di parlamentari idioti, ed è una vergogna mantenerli, una roba aberrante. A queste 900 persone non importa niente dell'Italia, ma solo di conservare 14mila euro al mese, è gente che sul mercato vale al massimo mille euro e l'unico sforzo che fanno è mantenere questa situazione. Solo il due per cento dei politici lavora davvero per il Paese”.

Continua a leggere...

Brunetta contro Renzi: “Deve rottamarsi, è in politica da 22 anni”

Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera, ha affermato in occasione della pubblicazione dell' ''Osservatorio Renzi'' sul sito www.freenewsonline.it: “Renzi vuole rottamare e pensionare tutti, il Presidente Berlusconi per primo, il quale peraltro fu anche il suo primo finanziatore. Matteo Renzi ha lavorato nella ditta del papà 4 anni, e ha fatto politica per 22, 3 anni più di Silvio Berlusconi. Se fosse coerente si rottamerebbe da sé”.
Continua a leggere...

giovedì 20 giugno 2013

Battiato: "Troie in Parlamento? Avevo ragione, il tempo è galantuomo"

Franco Battiato ha dichiarato in un'intervista rilasciata al Fatto Quotidiano a proposi recenti scandali in Sicilia: "Mi hanno accusato di misoginìa, ma l’hanno fatto in evidente malafede. Io non ce l’ho con le prostitute. Non riconosco proprio il genere come categoria. Per me maschile, femminile e animale nuotano nello stesso insieme. Qui il fatto grave e inaccettabile è che la escort vanno in Parlamento, diventano politici e usano i soldi con cui paghiamo le tasse. Ma ripeto, le ragazze non hanno colpe. I frustrati che le vendono al mercato, invece sì. Sono dappertutto, è incredibile, come il cacio sui maccheroni. A Bruxelles parlai anche di Lusi. Non c’è uno che l’abbia scritto. Tutti a sparare sul dito, mentre indicavo la luna. Domina l’ipocrisia. Non sarebbe più facile dichiarare che la tassa occulta per le escort è una specie di Imu aggiuntiva? In fondo nell’interpretazione di questi signori, la donna è solo una merce di scambio".
Continua a leggere...

La Consulta respinge il ricorso di Berlusconi: no legittimo impedimento



Silvio Berlusconi è stato sconfitto. La Consulta ha infatti respinto il ricorso avanzato dal Cavaliere per il mancato riconoscimento da parte dei giudici di Milano del legittimo impedimento dell'ex premier a comparire nell'udienza del processo Mediaset del primo marzo 2010, dal momento che era impegnato a presiedere un Consiglio dei ministri non programmato. La Corte ha notato come la riunione, già prevista in una data libera da udienze, fu fissata dall'imputato in altra data coincidente con un giorno di udienza.
Continua a leggere...

Serena Williams: “Ragazzina stuprata? Se l’è cercata”. Poi ritratta


Serena Williams ha dichiarato in un’intervista rilasciata a Rolling Stone a proposito dello stupro di una ragazza di 16 anni da parte di due giocatori di football consumatosi nell’Ohio.
“Lei non avrebbe dovuto mettersi in quella posizione. Gli autori del crimine hanno fatto qualcosa di stupido, ma se hai 16anni non puoi ubriacarti così. E i tuoi genitori dovrebbero averti insegnato che non si accettano bevande da altre persone. La ragazza ha avuto fortuna, poteva andare molto peggio. Non so se fosse vergine o meno, ma lei non avrebbe mai dovuto mettersi in quella posizione."
Visto che la star del tennis è stata fortemente criticata su Twitter, la Williams ha voluto rettificare quanto in precedenza detto: “Quello che è successo a Steubenville è stato un vero shock per me . Sono rimasta profondamente rattristata dalla notizia. Essere violentati a 16 anni è una tragedia orribile! Per entrambe le famiglie coinvolte – quella della vittima dello stupro e degli imputati. Attualmente sto contattando la famiglia della ragazza per farle sapere che io sono profondamente dispiaciuta per ciò che è stato scritto in questo articolo di Rolling Stone. Ciò che è stato scritto è insensibile e doloroso, e io in nessun modo ho fatto intendere che lei fosse da biasimare. Ho combattuto tutta la mia carriera per l’uguaglianza delle donne, la parità di diritti delle donne, il rispetto nei loro campi – qualsiasi cosa che potessi fare per sostenere le donne l’ho fatto. Le mie preghiere e il mio sostegno sono sempre per la vittima dello stupro. In questo caso, soprattutto, di un innocente sedicenne”.
 
Continua a leggere...

Rifiuta le terapie e muore di anoressia: “Dio cura ogni male” - FOTO


E’ morta a 19 anni e pesava solamente 31 kg. Questa è la triste storia di Maria Antonella Mirabelli, originaria di Rosario del Tala, nel nord-est dell’Argentina.
La ragazza si è opposta alle autorità giudiziarie che, chiamate in causa del padre, avevano provato in tutti i modi a sottoporre la giovane a trattamenti medici.
Ad ogni ricovero, seguiva la fuga.

I genitori erano divorziati da sette anni e lei viveva insieme alla madre e alla nonna, le quali hanno fortemente sostenuto la giovane nella propria battaglia: “Non ha ricevuto alcuna cura medica, sulla base del precetto biblico secondo il quale "Dio cura ogni male". Fino all'ultimo momento della sua vita abbiamo avuto fede che sarebbe stata guarita. Così come in altre circostanze il Signore l'aveva liberata dalla schizofrenia e dalla trombosi”.

Ora, il padre chiede giustizia e si è rivolto ai giudici, richiedendo di indagare sulla morte della figlia. Tuttavia Elbio Rojin. responsabile della procura di Rosario del Tala, ha spiegato che la giustizia “ha fatto tutto quel che c'era da fare. Inoltre la ragazza non faceva parte di una setta ma di un gruppo con il quale spesso s'incontrava per pregare”.

Continua a leggere...

E’ morto James Gandolfini, il Tony Soprano della tv

James Gandolfini è morto all’età di 51 anni mentre era in vacanza nella Capitale. Pare sia stato un infarto a causare il decesso dell’attore.
Gandolfini aveva conquistato la celebrità grazie all’interpretazione di Tony Soprano, il boss mafioso della serie tv 'I Soprano'.
Continua a leggere...

Sollecito chiede soldi su Fb per le spese legali - FOTO


Raffaele Sollecito, imputato nel processo concernente l’omicidio di Meredith Kercher a Perugia, ha lanciato su Facebook una vera e propria operazione di crowfunding.
L’obiettivo è quello di raggiungere la somma di 500mila dollari al fine di sostenere le spese legali del nuovo processo che prenderà avvio il prossimo ottobre.
“Non ho più risorse per combattere quest'ingiustizia, non voglio mollare solo per questioni finanziarie. La situazione è dura per me, sono molto preoccupato e non sono in grado di assumere esperti e pagare i compensi dei miei avvocati”.

 
Continua a leggere...

mercoledì 19 giugno 2013

La Gambaro espulsa dal M5S con il 65,8% dei voti


Ecco il verdetto sull'espulsione o meno di Adele Gambaro dal M5S. Ecco quanto si legge dal blog di Beppe Grillo: "Le operazioni di voto si sono concluse. Gli aventi diritto erano 48.292, di questi hanno votato in 19.790. Il 65,8% (pari a 13.029 voti) ha votato per l'espulsione, il restante 34,2% (pari a 6.761 voti) ha votato per il no. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato".  


Continua a leggere...

La proposta del Carroccio: "Legalizziamo la prostituzione"



Il Carroccio al Senato ha presentato una proposta di legge per la legalizzazione e la regolamentazione della prostituzione.
Massimo Bitonci, primo firmatario della proposta, ha spiegato: ''Non ha più alcun senso nascondersi dietro ipocrisie e tabù. La prostituzione è un fenomeno che esiste da sempre e il 75% degli italiani è favorevole alla sua regolamentazione anche per fermare ogni sfruttamento e violenza''.  

Continua a leggere...

Di Pietro: "Tornerò in politica e saranno 'ca*zi sua'"

Antonio Di Pietro, presidente dell'Idv, ha dichiarato ai microfoni di 'Un Giorno da Pecora': ''Tornerò in politica e saranno 'cazzi sua'. Il 29 e 30 giugno faremo il nostro congresso, io credo che per il partito serva un ricambio generazionale, quindi non mi ricandido a fare il presidente''.  

Continua a leggere...

© 2015 Diritto di Polemica