martedì 21 maggio 2013

Il leghista che chiede la pena di morte per Kabobo

Giancarlo Gentilini, candidato sindaco leghista a Treviso, ha detto a 'La Zanzara': "Per Kabobo ci vuole la pena di morte, un criminale che si macchia di un delitto così efferato non deve vivere negli ‘alberghi’ delle prigioni coi miei soldi e quelli dei cittadini. Certi delitti vanno puniti. Ci vorrebbe un’iniezione letale perchè la morte deve essere data lentamente. Sono portavoce della volontà della gente e quelli di Kabobo sono delitti senza senso, è un delitto pazzesco e la pazzia va eliminata. Unica alternativa sono i bagni penali di francese memoria, andare a spaccare pietre dalla mattina alla sera finchè non riescono più a spezzare le pietre. C’è chi difende la vita e fa sproloqui, ma li vorrei vedere se accadesse ai loro familiari, è molto facile parlare sulla pelle degli altri. Quando giro per Treviso i miei concittadini dicono che Kabobo lo avrebbero strozzato e la voce del popolo è la voce di Dio. La Kyenge vuole eliminare il reato di clandestinità, è una bestialità. Io voglio invece che gli immigrati si appuntino sul petto un pezzo di lenzuolo, con nome, cognome e luogo di destinazione. Come succedeva con gli emigranti italiani. Bisogna sapere chi calca il territorio italiano. In Australia conoscono vita, morte e miracoli di chi va da loro, e cessato il permesso devono partire, quello è uno Stato di diritto".

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica