domenica 17 marzo 2013

Bertinotti: "La Chiesa ha fatto una scelta rivoluzionaria: come il capitalismo"

Fausto Bertinotti ha rilasciato un'intervista a 'EuropaQuotidiano' nella quale ha parlato della Chiesa e dell'elezione del nuovo Papa. 
Ecco alcune dichiarazioni: "È una scelta rivoluzionaria: come il capitalismo, la Chiesa mostra la sua grande vitalità proprio nel momento massimo della propria crisi. Il capitalismo è un competitor storico del cattolicesimo perché entrambi hanno l’ambizione di forgiare l’essere umano: il primo soltanto nella dimensione terrena, il secondo anche in quella sovrannaturale. Tutte le grandi costruzioni umane colgono la crisi come un’occasione. Mentre laddove le istituzioni sono deboli, la crisi diventa devastante. E viene naturale il paragone con la vicenda politica italiana. Tanto è alta e forte la capacità di reazione della Chiesa, quanto impotente e autodistruttiva è quella della politica italiana".
E ancora: "Ratzinger ha messo la Chiesa di fronte al drammatico tema della sfida che gli pone la forza distruttiva del capitalismo, la sua modernità obliqua. La nuova rivoluzione capitalistica, il suo tentativo di mutare antropologicamente l’essere umano, è un una minaccia per la Chiesa. L’elezione di papa Francesco è una risposta a questa battaglia. La povertà di Papa Francesco è da una parte una congiunzione con gli ultimi della terra, dall’altra è una scelta di stile: la Chiesa francescana, appunto. Giovanni XXIII avrebbe detto, la Chiesa come 'liberazione del più grande peccato dell’umanità: lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo '. Padre Maria Chenoux una volta disse che «la solidarietà è un punto d’incontro tra l’idea cristiana della carità e l’idea marxiana dell’uguaglianza». Io penso che di questo stiamo parlando".

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica