martedì 26 marzo 2013

Battiato: "Troie in Parlamento" e poi: "Sono stato frainteso"

Franco Battiato, assessore al Turismo della Regione Sicilia, ha affermato nel corso del suo intervento al Parlamento europeo: "Ci sono troie in Parlamento che sono disposte a tutto".
Viste il vespaio di polemiche, l'artista ha dichiarato all'Adnkronos: "Sono particolarmente dispiaciuto che il presidente della Camera Laura Boldrini si sia sentita offesa dalle mie parole, ma posso assicurare che la frase non era sessista. Facevo semplicemente riferimento alla 'prostituzione' che c'era nel Parlamento italiano fino a pochi mesi fa, sia maschile che femminile".
E ancora: "Intanto tengo a precisare che non facevo riferimento né al Parlamento europeo né al Parlamento attuale, ho solo parlato di un malcostume politico, non parlavo certo di donne. Io non sono mai stato sessista e chi mi conosce lo sa bene".
"E' evidente che sono stato frainteso. Ribadisco che ho detto che in Parlamento ci sono stati dei deputati, di una certa parte politica, che erano pronti a tutto. Da qui la parola 'troia', ma nel senso di 'prostituta', e parlo sia di uomini che di donne, lo ribadisco. Scusi ma è peggio usare la parola 'troia' o tutti quelle cose che hanno fatto alcuni deputati. Erano forse degni di stare seduti in Parlamento?".
"Insomma non c'era alcuna intenzione offensiva nei confronti delle donne, spero di avere chiarito".

1 commento:

  1. Il vero scandalo, non è quello che ha dichiarato Battiato, che tra l'altro corrisponde a verità, ci sono parlamentari senza distinzione di sesso, che per una poltrona vendono l'anima al miglior offerente, in questo senso "troie in parlamento" ha una sua validità, incontestabile! Lo scandalo è in parlamento siedono pluri inquisiti e condannati con sentenze di 1° e 2° grado!

    RispondiElimina

© 2015 Diritto di Polemica