sabato 9 febbraio 2013

Sallusti scrive: "Sotto Grillo c'è la falce e il martello"

Alessandro Sallusti ha scritto su 'Il Giornale': “Né di destra, né di sinistra, né qualunquista. Nell'Italia delle utopie un partito del genere sarebbe forse nato. Ma la forza politica che si professa più trasversale e pulita dell'acqua (pubblica) si porta dietro una storia. 
Il MoVimento Cinque Stelle non è più un blog. Non è più solo la faccia e la voce di Grillo che urla e sbrana la Casta dal palco. Ora il partito è diventato un insieme di uomini e donne possibili rappresentanti del popolo. Con le loro storie, spesso ben radicate in un passato politico o ideologico. Vengono a galla amicizie e candidature circoscrivibili in un ambito preciso. Chi vota Beppe Grillo forse non sa, per esempio, che capolista in Senato del M5S in Piemonte è uno dei principali attivisti del Movimento no Tav e che praticamente tutti i candidati piemontesi in lista definiscono la lotta contro la linea d'Alta velocità Torino Lione come una delle “battaglie regine” del loro mandato. Sono mesi e anni che Grillo ripete che i No Tav dei blocchi e delle occupazioni dei cantieri sono gente perbene e li ospita sul blog”.
E ancora: "Grillo sembra collocarsi con più lucidità in quella nicchia della sinistra respinta dai partiti che ora trova nelle cinque stelle un terreno di riscossa. Assorbe quelle aree di conflitto scontente di tutti, ma sempre in subbuglio. In un recente attacco durissimo contro i sindacati della Triplice, Grillo ha demolito Cgil Cisl e Uil, ma ha salvato i Cobas, con cui “facciamo molte battaglie insieme”. In Calabria, i Cobas della sanità in sciopero hanno annunciato a gennaio che inviteranno “i 1032 precari e le loro famiglie a votare Beppe Grillo".

"Poi c'è una sinistra intellettuale a cui il comico strizza l'occhio, ricambiato. Lunedì uscirà in tutte le librerie un libro a sei mani scritto da Grillo, dal suo spin doctor Casaleggio e da Dario Fo, dal titolo: “Il grillo canta sempre al tramonto”. Ora Rifondazione confluisce nella Rivoluzione civile di Antonio Ingroia, ma con qualche rimpianto, se si ricorda che appena tre mesi fa Paolo Ferrero ventilava una “collaborazione” con il comico genovese. Micromega, il periodico diretto da Paolo Flores d'Arcais, in un recente sondaggio sulle preferenze di 25 intellettuali di sinistra, ha rivelato che Marco Travaglio ricorrerà al voto disgiunto: Rivoluzione civile alla Camera e Movimento 5 stelle al Senato. Anche Flores D'Arcais è per Rivoluzione civile e per M5S. Poi c'è il neoambientalismo, la forza attrattiva del MoVimento in special modo sui giovani, che si traduce nell'assorbimento di una serie di ex attivisti o simpatizzanti dei Verdi, partito da anni in declino”.
Ed infine: “Poi c'è il bacino della sinistra anni '60 e '70. Fabrizio Girani, 62 anni, negoziante, candidato di Voghera, si racconta così: “A 18 anni già mi esponevo come attivista del Psiup, dopo 4 anni il partito fu chiuso con la decisione del Congresso nazionale di confluire nel Pci”. Nicola Costantino, che vive a Lione e siciliano di nascita: “A 15 anni ero il più giovane a occupare la sala consiliare del comune di Termini Imerese nella lotta per l'acqua”. Ancora No Tav. Fabrizio Gallo, candidato al Senato, di Novi Ligure, impiegato: “Faccio parte del coordinamento dei Comitati contro il Tav-Terzo Valico”. Tra gli attivisti anti-alta velocità anche Federica Daga, 37 anni, capolista alla Camera nella circoscrizione Lazio 1”.

Nessun commento:

Posta un commento

© 2015 Diritto di Polemica