giovedì 14 febbraio 2013

Berlusconi: "Pagare una tangente all'estero è una necessità"

Silvio Berlusconi ha dichiarato ad 'Agorà' su Rai3: "Noi non possiamo più competere all'estero, siamo stati autolesionisti. Nessuno tratterà più né con l'Eni, né con l'Enel né con Finmeccanica. La tangente è un fenomeno che esiste ed è inutile ignorare la realtà. Pagare una tangente all'estero è un fenomeno di necessità. In Italia e in altre democrazie queste cose non esistono, ma inutile giudicare anche quello che accade in India. Questi sono assurdi moralismi".

E ancora: "Io ho fotografato la realtà esistente quando si tratta dei nostri gioielli che devono trattare con Paesi stranieri, devono adeguarsi alle altre democrazie. Questa magistratura ha dimostrato autolesionismo noi ci stiamo facendo fuori, nessuno tratterrà più con noi. Si tratta di masochismo puro. Vogliamo non pagare commissioni? Allora stiamo a casa".

Ed infine: "L'India è un paese fuori dalla sfera occidentale, sono moralismi assurdi così non si fa l'imprenditore. La tangente è un fenomeno che esiste non si possono negare le situazioni di necessità se si va trattare nei Paesi del terzo mondo o con qualche regime".

1 commento:

  1. no, mio caro. La necessita' e' mettere in galera chi si comporta cosi'.
    Finalmente lo ammetti : sono i delinquenti che ti votano.
    Altro che ripulire il Parlamento, bisognerebbe, prima, ripulire fuori !

    RispondiElimina

© 2015 Diritto di Polemica