mercoledì 29 febbraio 2012

No Tav, Berlusconi: «Mi complimento con quel carabiniere in Val di Susa»

L'ex premier Silvio Berlusconi ha dichiarato: «Ringrazio e faccio i più sinceri complimenti al bravissimo carabiniere che in Val di Susa ha dimostrato la differenza tra chi fa sempre il proprio dovere e chi sa solo insultare, l'abisso esistente tra chi ama l'Italia e ha il senso dello Stato e chi invece usa le invettive e la piazza. Bene ha fatto il comandante dell'Arma, generale Gallitelli, a premiare la professionalità e la compostezza di quel militare con un encomio solenne».
Continua a leggere...

Proteste No Tav, Maroni: «Bisognerebbe tornare all'uso dell'esercito»

Riguardo alle proteste No Tav tenutesi in Val di Susa, Roberto Maroni ha dichiarato: «Si deve riprendere il controllo della situazione che mi pare si stia perdendo e bisognerebbe tornare all'uso dell'esercito perche' quest'opera va fatta e la violenza va fermata».
Continua a leggere...

Maroni: «Tesoriera unica? Uno sfregio grave»

In merito alla norma del dl liberalizzazioni che prevede una tesoreria unica, il leghista ha commentato con queste parole: «La 'Tesoreria unica' e' uno sfregio grave che neanche Craxi e il Caf osarono fare. Siamo pronti alla class action. Ci sara' una reazione durissima. Spero che tutti i sindaci di ogni partito siano con noi in difesa delle autonomie».
Continua a leggere...

Le spese pazze del governo Berlusconi: quasi 9.000 euro per l'agopuntura

Un'agopunturista esperta di postura e terapia antaglica, costo: 8.750 euro più iva in 6 mesi. Due traduttrici, diventate "esperte" del comitato di biosicurezza, che hanno percepito 6 mila euro in 9 mesi. Cinque "esperte di televisione", guarda caso ex collaboratrici della tv delle Libertà. Sono alcune delle voci, svelate in un pezzo su Repubblica a firma di Annalisa Cuzzocrea, che fanno parte del bilancio dell'esecutivo precedente, guidato da Silvio Berlusconi. Spiegano come abbia fatto Monti a tagliare 43 milioni di euro nella sola gestione di Palazzo Chigi.
Non manca di certo, fra gli spendaccioni, il Dipartimento della Protezione civile, che fino al 2011 ha realizzato ben 29 contratti esterni, fra cui alcuni veramente esorbitanti. Come quelli dei consiglieri giuridici Giacomo Aiello (80 mila euro) e Ettore Figliola (70 mila euro). E ancora 130 mila euro ad Antonio Gabrielli, a capo della struttura per gli esproprio a L'Aquila, e 85 mila euro alla coordinatrice dell'ufficio stampa, Francesca Maffini.
Voci che si sommano ad altre non meno esorbitanti, come i 361 mila euro di stipendio per le 20 persone di cui si serviva un solo ministro: quello alla Semplificazione Roberto Calderoli, che di certo non ha "semplificato" il proprio entourage da ministro.
LEGGO
Continua a leggere...

Monti: «Con questo governo c'è una vera democrazia parlamentare»

Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha affermato nell'intervista rilasciata al quotidiano portoghese Publico: «In Italia con questo governo stiamo vivendo una vera democrazia parlamentare, come la defini' la Costituzione 60 anni fa, con un ruolo minore per i partiti politici, ma non per il parlamento. C'e' piu' politica di prima, perche' non esiste piu' una certa paralisi dovuta all'assenza di dialogo fra maggioranza e opposizione».
Continua a leggere...

Di Pietro: «Monti ha liberalizzato i fichi secchi»

Antonio Di Pietro, leader dell'Idv, ha dichiarato: «Monti ed il suo governo liberalizzano i fichi secchi. Ancora una volta illudono gli italiani con provvedimenti di facciata ma in verita' da quattro soldi che nulla hanno a che fare con le liberalizzazioni: quella delle reti tv, del sistema bancario, energetico, assicurativo e dei trasporti».
Continua a leggere...

Scilipoti: «Non ho mai offerto candidature a Sara Tommasi»

Il segretario nazionale MRN, Domenico Scilipoti, ha dichiarato: «Non ho mai offerto candidature a Sara Tommasi ne' a nessun altro. L'MRN e' un movimento giovane che deve ancora radicarsi sul territorio, e' prematuro in questa fase parlare di candidature: c'e' ancora molto lavoro da fare».
Continua a leggere...

Riccardi: «Il gioco d'azzardo? Ormai è una dipendenza psicologica»

Andrea Riccardi, ministro della Cooperazione Internazionale e dell'Integrazione, che ha anche la delega per i Giovani, la Famiglia e la lotta alle dipendenze, ha affermato: «Il fenomeno del gioco d'azzardo sta assumendo in alcuni casi i contorni di una vera e propria dipendenza psicologica: in un momento di difficolta' economica, il miraggio di una ricchezza facile e immediata ha mandato in rovina molte persone».
Continua a leggere...

Il presidente del Gas in Italia guadagna di più di Barack Obama

Continua a leggere...

Siamo in un Paese dove stanno progettando un Frecciarossa per il Pinna Gialla

Continua a leggere...

martedì 28 febbraio 2012

Ormai è rimasta solo la Costa Integra

Continua a leggere...

C'è un'Italia che va con il Frecciarossa e un'altra che va con il Fecciarotta

Continua a leggere...

Castelli: «Il Tricolore non è la mia bandiera»

Il leghista Roberto Castelli ha dichiarato: «Il Tricolore? mai avuto, mai sventolato. Non e' la mia bandiera. Oggi salterei tranquillamente al coro 'chi non salta italiano e'...' quando ero ministro mi accusarono di averlo fatto, ma non era vero. Oggi invece lo farei senza problemi».
Continua a leggere...

Prodi: «100 giorni di Monti al Governo? Spero che ne compia tanti altri»

Durante il convegno dedicato ai dieci anni dell'euro tenutosi a Bologna, Romano Prodi ha detto: «Un messaggio a Monti per i 100 giorni del Governo? Che ne compia tanti altri...».
Continua a leggere...

Di Pietro: «Per combattere la Mafia bisogna approvare la Convenzione di Strasburgo»

Antonio Di Pietro, leader dell'Idv, ha dichiarato a Tgcom24: «Per combattere la mafia ci vogliono norme sostanziali sulla base del diritto processuale. La convenzione di Strasburgo prevede il reato di autoricilaggio, perche' uno dei modi con cui la mafia reinveste al nord i soldi raccolti e' proprio l'autoriciclaggio. Basterebbe una norma di un rigo, ma l'Italia non l'ha approvata».
E ancora: «Basterebbe che coloro che hanno avuto problemi di giustizia fossero estromessi dalle gare da'appalto pubbliche. Abbiamo un Parlamento di condannati e di persone che dovrebbero essere latitanti. Mentre la Cancellieri lancia questo appello sulla mafia al Nord, la Severino risponde che la questione deve essere approfondita».
Continua a leggere...

La Tommasi si presenta ad un convegno in qualità di esperta di finanza e si spoglia

La showgirl Sara Tommasi si è presentata ad un convegno dedicato alla finanza e al signoraggio bancario in qualità di esperta di finanza con tanto di laurea conseguita presso il prestigioso ateneo della Bocconi.
La showgirl si è occupata di trattare il tema «Le origini del signoraggio bancario e le posizioni delle banche centrali».
Tuttavia, si vede che alla Tommasi i vestiti vanno proprio stretti, infatti si è lanciata, per l'ennesima volta, in uno spogliarello fuori programma.
Continua a leggere...

Vergassola: «Berlusconi ha presentato il nuovo inno del Pdl, Gente della libertà condizionata»

Continua a leggere...

Vergassola: «Alemanno teneva alle Olimpiadi perchè voleva riportare la Fiamma in Italia»

Continua a leggere...

Decisa all'unanimità abolizione dei benefit a vita per gli ex presidenti di palazzo Madama

E' stato deciso all'unanimità da parte del Consiglio di presidenza del Senato l'abolizione dei benefit a vita per tutti coloro che sono ex presidenti di palazzo Madama.
Questo significa che i presidenti continueranno a servirsi di uno staff, dell'ufficio e dell'automobile fino ad un periodo massimo di due legislature.
Continua a leggere...

Evasione, Monti: «Nel 2011 recuperati 12 miliardi di euro»

Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha affermato: «Rigore, equità e sviluppo sono le linee direttrici fondamentali su cui si basa il nostro impegno per assicurare che il contrasto all'evasione fiscale sia efficace e non intrusivo. Il recupero dell'evasione deve diventare uno strumento per migliorare l'efficienza del sistema economico in un quadro più equo. Nel 2011 grazie all'operato dell'Agenzia delle entrate e della Guardia di finanza sono stati recuperati 12 miliardi di euro. Ma si può e si deve fare di più. Dobbiamo continuare con rinnovata forza, perché se ognuno dichiara il dovuto, il fisco potrà essere più leggero per tutti. E' un impegno ineludibile che vogliamo raggiungere anche migliorando la trasparenza fiscale e il rapporto tra fisco e cittadini».
Continua a leggere...

Tav, Castelli: «Il militante caduto da un traliccio se l' è cercata»

L'ex ministro di giustizia del Governo Berlusconi, Roberto Castelli, al programma 'La Zanzara' su Radio 24, ha affermato in merito al militante dei No Tav, precipitato da un traliccio : «Gli auguro tutto il bene, ma se vai su un traliccio ad alta tensione, lo sanno tutti che ti fulmini o prendi la scossa e cadi. E' matematico. Abba' se l'e' cercata, non meritata».
Continua a leggere...

Maroni: «O si privatizza la Rai o la presidenza spetta alla Lega»

Il leghista Roberto Maroni ha affermato, durante un incontro con i militanti del Carroccio: «O si privatizza la Rai o, stando all'attuale legge, la prossima presidenza del Cda spetta di diritto alla Lega. Noi avevamo presentato e fatto approvare dalla maggioranza degli italiani un referendum sulla privatizzazione della Rai e questa mi sembra sia ancora la strada piu' opportuna da seguire. Adesso cade il Cda e ci si pone la questione ma io vorrei ricordare che se rimane la legge attuale per l'equilibrio tra maggioranza e opposizione la presidenza della Rai va all'opposizione e la Lega e' l'unico partito di opposizione».
Continua a leggere...

Pdl, Alfano: «Tra la Lega e l'Italia abbiamo scelto l'Italia»

Angelino Alfano, durante il corso del suo intervento a Radio2, ha detto: «L'aggressivita' di Bossi non e' una novita'. Berlusconi ha fatto scelta in dissenso con il nostro alleato storico quando ha appoggiato il governo Monti. Al bivio tra la Lega e l'Italia abbiamo scelto l'Italia. Probabilmente Questo ci penalizzera' ora, ma confidiamo che poi venga premiato dagli elettori».
Continua a leggere...

Passera: « Il Governo sta pensando di introdurre il reato di omicidio stradale»

Corrado Passera, ministro dei Trasporti,  in commissione Trasporti della Camera, ha reso noto il fatto che il Governo sta vagliando l'ipotesi di introdurre una nuova fattispecie di reato, cioè quello dell'omicidio stradale. L'illecito si avrebbe nel momento in cui  si compie omicidio al volante con un tasso alcolemico al di sopra dell'1,5% o comunque sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.
Continua a leggere...

lunedì 27 febbraio 2012

Lega, Maroni: «I giornali non parlano di noi ma godiamo di ottima salute»

Roberto Maroni, ex ministro dell'Interno, ha detto: «I giornali non parlano di noi ma godiamo di ottima salute. I sondaggi dicono che siamo l'unico partito che cresce e ce ne e' uno in particolare che e' molto interessante e che sostiene che la Lega ha la meta' del Pdl su scala nazionale con l'11% mentre per contro il Pdl stesso e' precipitato al 22%».

E ancora: «Prende cosi' corpo il nostro progetto di diventare il primo partito al Nord a partire gia' dalle prossima elezioni amministrative. Si e' aperta la fase congressuale che si concludera' a giugno con i congressi nazionali e siamo molto soddisfatti di come si stanno mettendo le cose e ne usciremo rafforzati pronti per la grande battaglia».

Ed infine: «Mi ha molto impressionato vedere alcuni tg in questi giorni che parlano di tutti tranne che di noi ma questo non e' un problema perche' noi non siamo un partito di plastica e neppure di carta che vive solo per finire nei tg o sui giornali. i giornali facciano quello che vogliono ma non riusciranno a fermare la nostra avanzata».
Continua a leggere...

Crosetto: «Elsa Fornero è la Margaret Thatcher italiana»

L'ex sottosegretario alla Difesa del Pdl, Guido Crosetto, mentre era ospite al programma di Radio2 'Un Giorno da Pecora', ha dichiarato: «Io mi inchino al coraggio della Fornero. Lei e' la Margaret Thatcher italiana ha un coraggio unico, lo si vede anche da quello che c'e' scritto sui giornali oggi. E' l'unica ad avere veramente coraggio nel Governo. Chapeau».
Continua a leggere...

Palazzo Chigi: retribuzioni italiane migliori di quelle spagnole

All'interna di una nota diffusa da Palazzo Chigi, è possibile leggere che, con riguardo alle retribuzioni nell'UE, «il posizionamento dell'Italia risulta in linea con la media europea e comunque migliore di Spagna e Grecia».
Continua a leggere...

Di Pietro: «Dobbiamo 'sberlusconizzare' il dibattito sulla giustizia»

Antonio Di Pietro, leader dell'Idv, ha dichiarato durante il suo intervento a Porta a Porta: «Dopo la sentenza al processo Mills, dobbiamo provare a 'sberlusconizzare' il dibattito sulla giustizia. Prendiamo atto che e' andata cosi', che non avere una sentenza di merito e' una sconfitta delle istituzioni, e cominciamo a fissare insieme nuove regole: io propongo che dopo il rinvio a giudizio non ci sia piu' prescizione fino alla sentenza».
Continua a leggere...

Stracquadanio: «Gli italiani non sono poveri, basta contare il numero di obesi»

Giorgio Stracquadanio, deputato del Pdl, durante il corso dell'intervista rilasciata da Klaus Davi a KlausCondicio, ha dichiarato: «Gli italiani non sono poveri, basta contare il numero di obesi.Tranne una infinitesimale percentuale di italiani che ha difficoltà ad accedere al mangiare, la stragrande maggioranza della popolazione può accedere a quantità di cibo più o meno illimitate. Basta vedere cosa accade in occasione delle feste comandate nei vari pranzi e cenoni che sono di una ricchezza spropositata per qualsiasi livello sociale. Il fatto che noi abbiamo ancora 6 milioni di obesi, a fronte di una crisi temporanea e contingente, non mi stupisce. Non siamo ancora a livelli da fame e i dati dei nutrizionisti lo dimostrano (sui 5 milioni di adulti obesi, pari al 10% della popolazione italiana)».

E ancora: «L'obesità è la malattia del benessere, conquistato dal dopoguerra ad oggi e ancora diffuso. Il vero problema oggi è la crescita del Paese perchè, siccome abbiamo un debito ingente a carico del settore pubblico che grava sulle prestazioni dello Stato, è evidente che, in queste condizioni, se non abbiamo una crescita economica che ci permetta di ripianarlo e operazioni di privatizzazione abbastanza ampie utili per tagliarlo, ci troveremo ad avere crescenti difficoltà per quanto riguarda il welfare, il sistema pensionistico, tutto quanto fa leva particolarmente sulla macchina pubblica. La crisi morde nel ridurre posti di lavoro, non certo nel portarci alla fame».
Continua a leggere...

Tutto è perduto, anche l’onore

di Totò
Continua a leggere...

La Marcegaglia ha dichiarato: «I sindacati difendono i ladri. Appena Lusi lo ha saputo ha chiesto la tessera alla Cgil»

Da 'The show must go off'
Continua a leggere...

Bonino: «Abbiamo perso il senso che la pena è la privazione della libertà, non della dignità»


 da 'The show must go off'
Continua a leggere...

Berlusconi: «Non governerò mai più l'Italia»

Durante il corso dell'intervista rilasciata al quotidiano 'Il Corriere del Ticino', l'ex premier, Silvio Berlusconi: «Non governerò mai più l'Italia, invito tutti i politici italiani che siedono in Parlamento da 30 anni a fare un passo indietro. Garantisco fino alla fine della legislatura la mia fiducia a Monti. Sono necessari sacrifici per risolvere l'emergenza economica e quella istituzionale. Il presidente del Consiglio sta realizzando le riforme che il mio esecutivo aveva avviato senza poterle portare al termine».
E nei confronti di chi sfugge in Svizzera: «Sbagliano, l'Italia ce la farà. E l'euro non crollerà. Gli italiani capiranno e, passata l'emergenza, premieranno il Pdl per il senso di responsabilità dimostrato in questi mesi».
Continua a leggere...

Di Pietro: «Il governo deve preoccuparsi degli stipendi»

Antonio Di Pietro, leader dell'Idv, ha scritto sul suo blog: «Ogni volta che il governo Monti deve dare una mazzata pesantissima ai lavoratori o ai pensionati si giustifica sempre con lo stesso argomento: l'Europa. 'Dobbiamo raggiungere i livelli europei, bisogna salvare l'Europa, ce lo chiede l'Europa'. Pero' l'Europa bisogna ricordarsela sempre, non solo quando fa comodo. Non si puo' strillare 'Europa, Europa' quando si parla del debito pubblico e fare finta di niente quando viene fuori che i salari dei nostri lavoratori sono tra i piu' bassi del continente. I tedeschi guadagnano quasi il doppio degli italiani ma anche nei Paesi che si trovano in difficolta' quanto e piu' di noi, come la Spagna e addirittura la Grecia, alla fine del mese i lavoratori ricevono una busta paga migliore. Ed e' inconcepibile pensare che vi siano manager come Sergio Marchionne che arrivano a guadagnare 400 volte di piu' di un operaio della Fiat».

E ancora: «Se l'Europa è il modello e l'esempio, deve esserlo anche quando si parla di occupazione femminile, che in Italia è la più bassa, e di quella giovanile, che è ormai un'emergenza assoluta, con un tasso del 27,8% contro il 21,1% della media europea. La situazione del lavoro non è meno grave di quella del debito pubblico. Basta uscire dalle proprie belle case o dalle aule universitarie per accorgersi a che punto è arrivata la disperazione. Solo in questo week end si sono tolti la vita un elettricista appena licenziato a Sanremo e un imprenditore rovinato a Firenze. Questa stessa mattina a Udine due operai senza stipendio da mesi si sono arrampicati su una gru e minacciano di buttarsi di sotto».

Ed infine: «E' ora che il governo inizi a preoccuparsi di essere degno dell'Europa anche quando si tratta di stipendi, di occupazione e di aiuti alle imprese. Bisogna che intervenga perchè le banche riaprano il credito alle piccole e medie imprese, riduca la tassazione per le aziende che investono in Italia e che danno lavoro a tempo indeterminato, che avvii una lotta radicale alla precarietà. L'Europa è questa, non solo quella del rigore, delle banche e degli interessi finanziari».
Continua a leggere...

Processo Mills, Berlusconi: «Non ho nulla di cui pentirmi»

L'ex premier, Silvio Berlusconi, al 'Corriere del Ticino', ha affermato: «Non ho davvero nulla di cui pentirmi. Dovrebbero invece vergognarsi i miei persecutori, che da quando sono sceso in campo non hanno mai smesso di inventarsi processi fondati solo sulle calunnie, una macchina del fango mediatico-giudiziaria, una campagna di diffamazione su scala internazionale che non si è ancora fermata: anzi, dopo che mi sono dimesso dal Governo, l'accanimento giudiziario contro di me è addirittura aumentato».
Continua a leggere...

Monti: «Esenti dall'Imu scuole no commerciali»

Durante il suo intervento in Commissione Industria al Senato, il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha affermato: «Per le scuole e' necessario precisare. Sono esenti dall'Imu quelle che svolgono attivita' secondo modalita' non commerciali».
Continua a leggere...

Mills, Bossi: «Berlusconi? Pensavo che fosse condannato. I suoi voti servono»

Umberto Bossi, leader del Carroccio, ha commentato così l'esito del processo Mills: «I giudici non sono ciechi e sordi, vivono anche loro il momento politico. Berlusconi è stato abile, pensavo che fosse condannato, invece i suoi voti sono determinanti per il governo. Magari non aveva commesso niente, come sosteneva lui, però vista da fuori è una brutta impressione».
Continua a leggere...

domenica 26 febbraio 2012

Gasparri: «Sull'Ici serve una parola chiara del Governo»

Maurizio Gasparri, presidente dei senatori del Pdl, ha detto: «Sull'Ici per le realta' cattoliche
e' necessaria una parola chiara del Governo. Ribadisco che occuparsi di poveri e di educazione e' un merito non un commercio. Ci sono dei margini di ambiguita' che vanno eliminati. Parlo a ragion veduta».
Continua a leggere...

Di Giovan Paolo (Pd): «Bisogna assicurare reddito minimo»

Roberto Di Giovan Paolo, senatore del Pd, ha affermato: «Anche in Italia serve introdurre il reddito minimo di cittadinanza, come in tanti altri Paesi europei. Il dato di Eurostat infatti risente del fatto che una parte della popolazione ha salari di poco al di sopra del livello di poverta'. Con piu' reddito ci sono piu' consumi, piu' commercio e piu' benessere».
E ancora: «L'obiettivo e' riordinare l'impianto degli ammortizzatori sociali, che oggi tutelano principalmente i lavoratori delle grandi aziende. Dobbiamo quindi intervenire a favore anche dei sottoccupati, delle partite Iva, dei co.co.pro, di chi e' occupato in modo intermittente. Dunque niente assistenzialismo. Nessun collegamento poi con la revisione dell'articolo 18. Le garanzie vanno aumentate, non diminuite».
Continua a leggere...

Finocchiaro: «Bisogna assicurare un compenso dignitoso per i tirocinanti»

Anna Finocchiaro ha detto: «Alla ripresa dei lavori sul decreto liberalizzazioni ci auguriamo che si rivaluti la questione del compenso per i tirocinanti affinche' lo stesso non sia limitato a un rimborso spese forfettario, dopo i primi sei mesi di tirocinio, come stabilito da un emendamento del governo. A tal fine presenteremo un sub-emendamento che corregga il testo prevedendo criteri per la determinazione degli indennizzi».
E ancora: «E' giusto e doveroso che i giovani all'inizio dei loro percorsi professionali siano compensati dignitosamente, soprattutto a fronte della precarieta' del rapporto lavorativo che spesso non si tramuta in un impiego continuativo».
Continua a leggere...

Casini: «Non possiamo accettare uno Stato biscazziere»

In materia di aumento dei giochi e delle scommesse, Pierferdinando Casini, leader dell'Udc, ha affermato su Twitter: «Non possiamo accettare uno Stato biscazziere che propone dalla mattina alla sera giochi che rovinano migliaia di cittadini. E' emergenza».
Continua a leggere...

Veltroni: «Tirare Monti da una parte o dall'altra significa indebolire il governo»

Walter Veltroni, ex segretario del Pd, ha dichiarato durante la sua intervesta rilasciata al programma 'In mezz'ora': «Tirare Monti da una parte o dall'altra vuol dire indebolire lui e il il governo. Lasciamo che lui e il suo governo facciano il loro lavoro e mi aspetto da loro due cose: la lotta alla corruzione e la riforma della Rai».
Continua a leggere...

Un gruppo di scienziati ha realizzato un transistor con un solo atomo di fosforo. Lo hanno già ribattezzato il Trota

Continua a leggere...

«Berlusconi ha cercato di fregare gli Articolo 31, Monti cerca di fottere l'art.18»

da 'The Show must go off'
Continua a leggere...

Tutti i giorni lavoro, onestamente, per frodare la legge

Continua a leggere...

Caso Mills, Di Pietro: «Berlusconi, un colpevole impunito»

Antonio Di Pietro, presidente dell'Italia dei Valori, ha commentato con queste parole la conclusione del processo Mills che vedeva imputato l'ex premier, Silvio Berlusconi: «In tutti questi anni Berlusconi si e' fatto una serie di leggi per non essere condannato. Ma quale innocente? E' un colpevole impunito, perche' se fosse davvero innocente, rinuncerebbe alla prescrizione per farsi processare».
Continua a leggere...

sabato 25 febbraio 2012

Caso Mills, Bindi: «Non bisogna scambiare la prescrizione per un' assoluzione»

Rosy Bindi ha dichiarato: «E' l'ennesima prescrizione per Berlusconi, che e' l'uomo piu' prescritto del mondo. Nessuno la scambi per un'assoluzione. Tra l'altro si dimostra, pero', ancora una volta, che abbiamo una magistratura che fa in pieno il proprio dovere, sia nella fase accusatoria che in quella del giudizio, nonostante i tanti ostacoli che le leggi di Berlusconi hanno messo in questi anni all'azione della magistratura».
Continua a leggere...

Bisogna ascoltare molto e parlare poco per governare bene uno stato

di Cardinale Richelieu
Continua a leggere...

Io non rubo, integro. D'altra parte in Italia chi e' che non integra?

di Totò
Continua a leggere...

Vendola: «Sacrifici richiesti da Marchionne profumano di modernità che puzza di medioevo»

Nichi Vendola, leader di Sel, ha affermato: «Pur avendo chiesto all'Italia di modificare le relazioni industriali, di stracciare un modello che e' stato costruito con decenni di lotte e di sacrifici da parte del movimento operaio non si capisce perche' Marchionne non debba rispondere su quanto vende, se vende, come vende e che noi dobbiamo sempre essere davanti a un oggetto misterioso, fare i sacrifici che Marchionne chiede perche' i suoi sacrifici profumano di modernita' e chissa' perche' questa modernita' puzza di medioevo. E' inquietante l'intervista di Sergio Marchionne rilasciata al Corriere della Sera».
E ancora: «Inquietante perchè immagina di non dover dare mai risposte sul terreno di Fabbrica Italia, di non avere il dovere di presentare il piano industriale. Dobbiamo anche non sapere nulla se non qualche allusione sulle due fabbriche che chiuderanno. E' veramente il segno inquietante di un modo di prendere in giro il Paese».
Continua a leggere...

© 2015 Diritto di Polemica